Trenino Verde delle Alpi 
Paesaggio innevato
Svizzera 
Berna

TRENINO VERDE DELLE ALPI

Non sai cosa fare in questo weekend a Milano? Stai cercando una gita fuori porta da fare nel weekend? Ecco a te un’idea: Il Trenino Verde delle Alpi! 

Con il Trenino Verde delle Alpi partirai dalla regione italiana Piemonte e, attraversando il cuore delle Alpi, arriverai nella favolosa Svizzera. Potrai esplorare la Svizzera attraverso gli scenari più affascinanti con un magico susseguirsi di paesaggi. Lungo la linea da Domodossola a Berna scoverai posti incantevoli ed essendo sempre in movimento vedrai dei panorami sempre differenti! Scoprirai un nuovo modo di viaggiare scegliendo tu che fermate fare col Trenino Verde delle Alpi e rendere unica la tua esperienza. Comodamente dal treno potrai ammirare la regione dell’Oberland Bernese, mangiare un ottimo Bretzel, sfiorare le acque del lago di Thun ed in poco tempo arrivare nella capitale svizzera Berna.

Trenino Verde delle Alpi 
Bretzel
Svizzera 
thun
Trenino Verde delle Alpi 
Svizzera 
Brig

Percorso

Il Trenino Verde delle Alpi, che fa parte della flotta di treni della società ferroviaria BLS, parte da Domodossola alle 7.58 del mattino e ogni due ore ci sarà un treno in partenza (noi per esempio abbiamo preso il treno delle 9.58). Percorrendo la linea ferroviaria ultracentenaria del Sempione si arriva in circa due orette nella capitale federale della Svizzera, ovvero a Berna. Più precisamente, dovrai fare un unico cambio per andare verso Berna: prenderai il treno da Domodossola e arriverai a Brig e poi a Brig farai il cambio prendendo un altro treno che andrà verso Berna. Non preoccuparti perché sarai in Svizzera e i treni saranno puntuali!

Inoltre, le bellissime destinazioni lungo il tragitto del treno ti inviteranno a fermarti e a vivere delle nuove esperienze. Per di più acquistando il biglietto per il Trenino verde delle Alpi, avrai la possibilità di fare una parte di itinerario in battello sul magico Lago di Thun! Partendo da Domodossola, le fermate sono: Brig, Goppenstein, Kandersteg, Spiez, Thun e Berna.


Non ti ispira il Trenino Verde delle Alpi? Prova a dare un’occhiata in Experience o Travel!


Come abbiamo suddiviso il viaggio?

Noi siamo arrivati un po’ prima della partenza del treno e abbiamo visitato velocemente Domodossola. Questa città possiede un centro molto carino ed è colma di strutture storiche, come ad esempio il Sacro Monte Calvario del 1657. Una volta saliti sul treno, abbiamo deciso di scendere nel paese di Brig. La città di Brig si trova ai piedi del Passo del Sempione ed è considerato come un ottimo punto di partenza per fare delle belle camminate o escursioni in mezzo alla natura. Nel seducente centro troverai delle graziose vie con casette particolari e tanti negozi. Inoltre, a Brig troverai uno dei palazzi in stile barocco più importanti della Svizzera, ovvero il castello Stockalper.

Vuoi vedere meglio i paesaggi innevati? Prova a guardare il nostro reel!

Trenino Verde delle Alpi 
Svizzera 
Brig
Trenino Verde delle Alpi 
Svizzera 
Brig
Castello di Brig
Trenino Verde delle Alpi 
Svizzera 
Brig
centro di Brig

Dopo aver visitato Brig, siamo tornati sul trenino e ci siamo goduti comodamente il panorama dall’alto. Ad un certo punto rimarrai letteralmente senza fiato perché passerai in mezzo alle montagne innevate e vedrai dei paesaggi innevati stupendi! Poi, sfiorando le acque del lago di Thun, siamo scesi nell’incantevole Thun. Entrati nella regione dell’Oberland Bernese, all’entrata della stupenda Thun sorge il suo enorme castello, un edificio che domina la città dal 1180. Inoltre, al suo interno è allestito un museo storico che espone reperti della regione e della sua storia degli ultimi 800 anni.

Noi non abbiamo visitato il castello, ma ti ricordi quando ti abbiamo detto che col biglietto del Trenino Verde delle Alpi hai la possibilità di fare un giro in battello? Qua a Thun potrai imbarcarti sul battello ed avere anche la possibilità di pranzare a bordo. Prendendo questo battello, tornerai indietro a Spiez e poi potrai riprendere il mitico Trenino Verde delle Alpi.

Trenino Verde delle Alpi 
Svizzera 
Thun
Trenino Verde delle Alpi 
Svizzera 
Thun
Castello di Thun
Trenino Verde delle Alpi 
Svizzera 
Thun

Infine, siamo andati alla scoperta della città di Berna! Come prima cosa abbiamo pensato al pranzo e siamo andati in un favoloso chalet nei mercatini di Natale vicino alla stazione. Si chiamava Fondue Chalet (disponibile fino al 4 febbraio) ed era davvero molto accogliente e la fonduta era spaziale! Dopo il pranzo, ci siamo recati nel centro storico che è stato definito anche Patrimonio Mondiale dell’UNESCO con i suoi meravigliosi edifici in pietra arenaria, 6 km di portici con negozietti molto carini ed alcuni vicoletti molto graziosi.

Ci sono numerosissime fontane sparse nella città e devi vedere assolutamente: la Torre dell’Orologio dove allo scoccare di ogni ora potrai assistere a un piccolo spettacolo con orsi, giullari e altre figure meccaniche, la Cattedrale con la sua terrazza, la Torre della Prigione e la casa di Einstein. Berna offre veramente tante attrazioni e infatti servirebbe più di un pomeriggio per visitarla bene!

Trenino Verde delle Alpi 
Svizzera 
Berna
Fontana di Berna
Trenino Verde delle Alpi 
Svizzera 
Berna
Chalet
Trenino Verde delle Alpi 
Svizzera 
Berna
Cattedrale di Berna

Informazioni Utili

Il biglietto si può acquistare direttamente sul loro sito ufficiale e troverai tutte le informazioni riguardo agli orari di partenza e arrivi nei vari paesi. Poi, ti consigliamo di portarti le carte di credito e bancomat poiché non tutte le attività commerciali accettano gli euro (se hai i franchi è perfetto o al massimo puoi cambiare qualche banconota negli exchange presenti nelle stazioni!). Infine, ti consigliamo assolutamente scarpe comode e di coprirti tanto per combattere il freddo, poiché, se dovessi andare in inverno come abbiamo fatto noi, le temperature si aggireranno intorno allo zero o poco meno.

In conclusione, ti lasciamo il loro collegamento social per essere sempre aggiornato e ti auguriamo una buona gita!

Autore: Gianmaria Cipriano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su